20100329

Terrore nella metropolitana di Mosca


"Mosca - (Adnkronos) - Nella capitale russa torna l'incubo terrorismo. Due diversi attentati, a mezz'ora l'uno dall'altro sono avvenuti questa mattina all'ora di punta nella metropolitana di Mosca (FOTO). "Azione terroristica condotta da due donne kamikaze". Rivendicazione dei separatisti ceceni sul web. Farnesina al lavoro per verificare la presenza di italiani"


Torna purtroppo l'incubo del terrorismo, in Russia, ma questa volta nessuna mano di Al Quaeda reale o strumentalizzata.

Ironicamente, proprio l'altro giorno scopro che è finalmente arrivato in Feltrinelli "Metro 2033", romanzo del finora sconosciuto Dmitry Glukhovsky ambientato proprio nella metropolitana russa, e del quale è già pronto un seguito intitolato "Metro 2034".

Dal primo volume, inoltre, è stato tratto un videogioco che sta avendo un discreto successo. E forse è il motivo per cui finalmente è arrivata la pubblicazione in italia del suddetto libro (per il seguito dovremo aspettare almeno fino a ottobre).

La storia narrata, si colloca nel luogo e nell'anno descritti dal titolo; una catastrofe nucleare ha devastato la superficie del pianeta e ha costretto gli esseri umani a rintanarsi nei tunnel della metropolitana, mentre all'esterno qualcosa di misterioso si muove ancora...

Nonostante i presupposti fantascientifici, un elemento si basa sulla storia di questo secolo: i tunnel della metropolitana russa, infatti, sono stati costruiti in clima di guerra fredda, pertanto predisposti ad essere adibiti in tempi brevissimi a rifugi antiatomici. Inoltre, vantano delle stazioni di un eleganza e di un lusso straordinari, specie se paragonati alla nostra controparte italiana. (Vi rimando a questa galleria fotografica)

Non appena le mie finanze me lo consentiranno, provvederò all'acquisto sia di uno che dell'altro...

0 commenti: